7892 esposizioni, 7892 scatti: Profoto A1 e Two Mann Studios invincibili sulla pista da ballo

16 ottobre, 2017

Scritto da: Seth Chandler

I balli post-ricevimento possono rappresentare grandi sfide per i fotografi di matrimoni. Quindi per testare sul campo il Profoto A1, la luce da studio più piccola al mondo per il tema di Profoto “The world is my studio”, i canadesi di Two Mann Studios hanno organizzato una festa da ballo in una sala conferenze con pareti e soffitti neri: il peggior incubo di un fotografo di matrimoni.

Nominati come i due migliori fotografi di matrimoni del mondo per quattro anni di seguito da Fearless Photographers, il team formato dai coniugi Lanny Mann ed Erika Jensen Mann ha iniziato a scattare nel 2002.

Tutto è iniziato con un viaggio all’insegna dell’alpinismo in Patagonia. “Per noi la fotografia era un modo per condividere le nostre esperienze in tutto il mondo, con i nostri amici e familiari”, spiega Lanny.

“Utilizziamo le nostre fotocamere per catturare tutto ciò che attira la nostra attenzione”, aggiunge Erika. Questo a sua volta ha definito il nostro stile. Amiamo la natura selvaggia, i paesaggi sconfinati e tutto ciò che ha personalità. La combinazione di questi tre elementi ha determinato il nostro stile. E ci auguriamo che sia realistico, energico e spontaneo.

“Non ci consideriamo fotografi creativi”, continua. “Il nostro obiettivo è documentare la realtà, perché riteniamo di non poter creare nulla di più interessante di qualcosa che è reale”.

“Hanno creato questo slogan considerando la nostra idea?”

Quando Profoto ha contattato Two Mann Studios e gli ha chiesto se volevano provare il Profoto A1, la luce da studio più piccola al mondo, il team era entusiasta di questa opportunità.

“Sappiamo dai colleghi del settore che la qualità e l’affidabilità dei prodotti Profoto non sono seconde a nessuno”, afferma Erika. “Tuttavia, nessun prodotto della linea degli attuali prodotti Profoto si adatta ai nostri ideali in maniera così precisa. Desideriamo arrivare al matrimonio o nella location con una sola borsa in spalla”.

Ciò è dovuto in parte al fatto che entrambi non vengono da uno studio in quanto si occupano principalmente di fotografia di documentari on-location. E con il tema “The world is my studio” Lanny afferma che la loro prima reazione istintiva fosse “hanno creato questo slogan pensando a noi?”.

Nessuno stupore: Erika e Lanny hanno fondato la loro intera attività (e anche il loro stile di vita) sulla passione per i viaggi, in modo da poter lavorare in qualsiasi angolo del mondo, con un computer portatile e un setup fotografico molto semplice. Infatti la coppia ha ritirato per un anno i due figli dalla scuola per un viaggio attorno al mondo in sei continenti, creando immagini e aggiornando sempre i blog. “Lo slogan “The world is my studio” è davvero in linea con il nostro stile di vita”, afferma Erika.

Il peggior nemico di un fotografo

Partendo dall’idea di documentare la realtà per questo progetto, hanno deciso di organizzare una festa da ballo che sarebbe stata il più realistica possibile, invitando un gruppo di fotografi di matrimoni e wedding planner di Calgary in una discoteca locale.

Per una sfida ancora maggiore, i Two Mann hanno prenotato una sala conferenze poco accattivante, con pareti e soffitto neri, senza alcuna possibilità di riflettere la luce. “Quella location è nota tra i fotografi del mercato di Calgary come il peggiore incubo del settore”, spiega Lanny.

7892 scatti, senza perderne neanche uno

La festa da ballo è uno dei momenti del matrimonio in cui i Two Mann utilizzano flash in maniera coerente e in cui l’attuale attrezzatura limita la coppia. “A seconda dell’allegria e del coinvolgimento durante i balli, scattiamo tra le 5000 e 8000 immagini in pista”, afferma Erika. “Con il nostro attuale sistema utilizziamo circa 35-40 batterie AA e ci perdiamo almeno un terzo dei nostri scatti a causa del flash che non si ricarica sufficientemente in fretta”.

Lanny aggiunge che il loro modo di scattare è molto diverso da quello di uno studio fotografico perché non hanno il controllo di TUTTE le piccole variabili che fanno la differenza. “La realtà prende vita esattamente davanti alla tua fotocamera”, spiega. “Non ne hai il controllo e devi essere in grado di trarre il meglio che ti offre.

“Generalmente, ci si augura che tutto sia ottimale, che la fotocamera metta a fuoco il soggetto giusto al momento giusto e che lo scatto avvenga quando il soggetto o i suoi capelli si trovano in posa perfetta. Sono quei microsecondi a fare la differenza. Infine, si spera che il flash funzioni realmente!”.

Fortunatamente per tutti, il Profoto A1 ha mantenuto la promessa del suo slogan “Non mancherai mai uno scatto” con un’affidabilità insuperabile. “La notte degli scatti con Profoto abbiamo fatto 7892 foto e il flash si è acceso 7892 volte: ogni volta che abbiamo premuto clic. E NON DIMENTICHIAMO che tutto ciò è stato possibile con una sola batteria”, spiega Lanny. “Quindi non perdiamo più neanche uno scatto a causa di imprecisioni del flash... davvero ECCEZIONALE!”.

Il resoconto dei balli

Per la maggior parte degli scatti, Erika e Lanny hanno utilizzato un Profoto A1 off-camera con un secondo A1 montato sulla fotocamera in funzione di trigger. Per un intenso scatto in bianco e nero della sposa, i Two Mann hanno utilizzato una luce naturale dalla console del DJ per un primo piano. Un singolo flash sulla danzatrice con un’angolazione dalla parte destra della fotocamera, a circa 90 gradi dal soggetto. “In alcuni casi, una modifica in bianco e nero rende molto di più rispetto alla luce”, afferma Lanny. “Con un’intensa hard light, ad esempio, il bianco e nero risaltano quell’effetto”.

Talvolta, Erika e Lanny hanno utilizzato un solo Profoto A1 per sfruttare più di una funzione. Per lo scatto preso attraverso le gambe dello sposo, ad esempio, la fotocamera era a livello del pavimento con un Profoto A1 sulla stessa in funzione di trigger. Un assistente con un monopiede ha mantenuto l’A1 per un secondo a un angolo di 80° rispetto alla sposa. “È semplice come un flash off-camera posto sul lato”, spiega Lanny. “Tuttavia, quel singolo flash funge anche da retroilluminazione delle gambe dello sposo. Pertanto, illuminava la sposa da un lato ma anche i contorni delle gambe dello sposo”.

Luce di contorno e meravigliose tonalità naturali della pelle

Quando è stata utilizzata la macchina del fumo, Erika e Lanny hanno retroilluminato i loro soggetti, fornendo una luce di contorno dall’interno della nebbia con un Profoto A1 e un secondo A1 sulla fotocamera con la Bounce Card dell’A1 per un riempimento. “Abbiamo scelto di farlo perché sapevamo che la nebbia avrebbe reso molto bene il flash posteriore e avrebbe essenzialmente creato una tela per il danzatore”, spiega Erika.

Two Mann ha rilevato anche che la capacità TTL del Profoto A1 ha reso più semplice la combinazione di quest’ultimo con la luce naturale. In un unico scatto hanno utilizzato le luci del DJ per retroilluminare la nebbia mentre un Profoto A1 veniva posizionato off-camera a circa 90 gradi a sinistra di chi stava ballando.

Un altro scatto ha congelato l’azione di una giovane donna che scuoteva la testa, facendo muovere nell’aria i capelli. Per creare l’immagine, Erika di Two Mann ha posizionato un Profoto A1 dietro di lei come luce di contorno e ha utilizzato un secondo A1 con la relativa Bounce Card per ottenere tonalità della pelle naturali, meravigliose e morbide.

“I capelli della ragazza fluttuavano letteralmente nell’aria e sapevamo, grazie a precedenti esperienze, che i capelli sono particolarmente sensibili alla retroilluminazione”, afferma Erika.

La semplicità dell’A1 permette di concentrarsi solo sull’azione

Tutte queste combinazioni sono state realizzate senza alcuna esperienza precedente con il Profoto A1 o un manuale da leggere. Al contrario, Two Mann aveva circa due ore per familiarizzare con il funzionamento del Profoto A1 prima che iniziasse la festa: avevano due A1 in prestito, spediti nel giorno stesso degli scatti.

“Avevamo in mano i flash due ore prima che iniziasse la festa da ballo”, ha spiegato Lanny. “E non c’era alcun manuale di istruzioni. Penso sia eloquente la facilità di apprendimento dell’uso. Inoltre, noi lo adoriamo perché abbiamo sempre pensato che un flash dovesse essere molto semplice da utilizzare, non complicato. Non abbiamo pensato in termini di f-stop, velocità di shutter e alimentazione. Proprio come quando assaggi una zuppa e capisci se serve più o meno sale, così accendiamo e spegniamo il flash.

“E i flash sono realizzati all’incirca in questo modo. Sono presenti numeri di grandi dimensioni, 2-10 sul retro, ed è sufficiente spostare in avanti o indietro la manopola”.

“Non siamo cervelloni”

Questa semplicità di utilizzo si adattava perfettamente alle loro esigenze. “Non siamo cervelloni, non amiamo la tecnologia e non ci importa molto dei meccanismi di una fotocamera”, afferma Lanny. “Vogliamo evitare di perderci nei meccanismi della nostra attrezzatura. Proprio per questo è sempre importante mantenerla il più possibile di piccole dimensioni, leggera e semplice. Qualsiasi cosa che ci rallenta ci impedisce di catturare momenti che scorrono davanti ai nostri occhi.

Erika aggiunge che fanno di tutto per impedire che qualcosa li distragga dall’attimo da cogliere. “Non si tratta solo di un rallentamento fisico dovuto all’attrezzatura, ma anche mentale. L’idea è stare in pista, pronti all’azione ed esserci completamente a livello mentale, anziché preoccuparsi delle impostazioni del flash e delle variabili tecniche.

“Abbiamo fatto degli scatti a un matrimonio alcuni giorni dopo la festa e avremmo voluto avere con noi gli A1. È bizzarro pensare a quanto rapidamente il corpo e la mente si adattino senza problemi a qualcosa che è migliorato”.

Scritto da: Seth Chandler

Prodotti utilizzati nella storia

Bounce Card

Fai riflettere la luce con l’A1